Problemi di logica

Oggi giocavo con la mia famiglia ad un gioco di società molto carino.
Si tratta in pratica di rispondere a dei quesiti logici: alcuni difficili, altri più semplici. E ho pensato di proporvene alcuni.
Vi lascerò un po’ di giorni per ragionare e le soluzioni ve le darò più avanti per non togliervi il divertimento. Se volete degli aiuti potete fare delle domande alle quali però io posso rispondere solo con “sì” o “no”.
Pronti?

1)
Il tenente Tenebra si avvicinò a uno dei tanti bar a bordo della lussuosa nave da crocier “Picche II” e ascoltò Gianni Lapece, il presunto eroe della giornata, spararle grosse: “Solco i mari da vent’anni e non mi era mai successo nulla di simile” disse Gianni “Sono uscito dalla mia cabina e ho udito colpi di fucile. Ho visto un uomo nella parte anteriore della nave brandire un fucile, allora mi sono coricato sul pavimento e mi sono coperto la testa. Dopo qualche istante ho alzato la testae ho visto un fucile proprio davanti a me. L’ho raccolto e ho sparato il primo colpo in aria e il secondo al pirata. Temendo per la mia vita, sono corso verso il fondo della nave. Dopo ricordo soltanto gli agenti della sicurezza che dicevano che avevo sparato a un assassino e per questo ero l’eroe della giornata.” Il Tenente Tenebra dubitò che qualcuno potesse credere a un racconto simile. Perchè?

2)
Se tre gatti cacciano tre topi in tre minuti, quanti gatti sono necessari per cacciare 100 topi in 100 minuti?

3)
Questo quesito è del tutto differente. Non vi sono problemi logici o numerici e nemmeno storielle poliziesche con detective intelligenti e furbi delinquenti. Che cos’è dunque che lo distingue e che lo rende diverso? Non ve lo diremo certo qui. Siete voi che dovrete scoprire il trucco. Non ci sono errori, evidenti o meno. Il testo è comunque insolito. Leggetelo e rileggetelo finchè non troverete l’ “evidente” soluzione.

Lascia un Commento